InsightAgency

Come ottenere fotografie con sfondo bianco in ogni situazione


Realizzare una fotografia con sfondo bianco, è stata una delle prime sfide che mi sono posto quando ho iniziato ad appassionarmi a questa bellissima arte.
Cercare di ricreare quella magica atmosfera da pubblicità, dove il soggetto viene messo in evidenza grazie al forte contrasto cromatico con lo sfondo, non è una tecnica così difficile.

Se quindi anche tu vuoi provare questa piccola avventura fotografica, sei capitato nel post giusto. Infatti potrai trovare tutte le informazioni utili per realizzare fotografie con lo sfondo bianco in qualsiasi situazione.

Ti sento fremere, quindi non perdiamoci in troppe chiacchiere e iniziamo con la parte tecnica del post.

 




La realizzazione di fotografie con sfondo bianco è richiesta in diversi campi fotografici anche molto diversi tra loro.

Questa tecnica viene usata per esempio nella food photography o nello still life in generale, dove il soggetto acquista tridimensionalità e dinamicità grazie al contrasto cromatico. Ma viene anche usata nella fotografia di ritratto per attirare tutta l'attenzione del pubblico sul soggetto dello scatto.

Concentriamoci quindi sulle variabili comuni che dovrai tenere in considerazione usando questa tecnica.

Fotografia con sfondo bianco: qual'è l'attrezzatura necessaria?

Per quanto riguarda l'attrezzatura puoi stare tranquillo, non servono costosi corpi macchina per avere una perfetta fotografia con sfondo bianco potrai usare qualsiasi fotocamera, da una semplice compatta a una reflex.

L'unica differenza sarà nell'attenzione che dovrai riporre nello scatto.

Se usi una fotocamera che permette lo scatto in raw, potrai recuperare eventuali errori in post produzione come: alte luci, ombre e bilanciamento del bianco. Mentre se usi una fotocamera che permette solo di fotografare in jpg, dovrà essere quasi tutto perfetto già in fase di scatto.

Anche per quanto riguarda le lenti ottiche non sono richieste grosse caratteristiche, in alcune circostanze potrebbe esserti utile un buon cavalletto fotografico ma non è un accessorio indispensabile.

Quello che ovviamente non potrà mancare nella tua composizione, è un bello sfondo bianco e una buona gestione delle luci.

Fotografia con sfondo bianco: qual'è l'importanza delle luci?

Se vuoi ottenere fotografie con lo sfondo perfettamente bianco, dovrai poter gestire in maniera ottimale la luce presente in scena.
Il rischio altrimenti è quello di avere delle ombre del soggetto o uno sfondo tendente al grigio.

Una perfetta gestione della luce è impossibile quando si parla di luce naturale. Per questo motivo per ottenere buone fotografie con lo sfondo bianco, si usano il più delle volte delle luci artificiali.

Le fonti luminose dovrebbero essere di ugual intensità e temperatura di colore, per non rischiare di avere problemi con l'esposizione o i colori dei tuoi scatti. Il numero di luci ideali per ottenere buoni risultati, è di 3 fonti luminose. Una luce servirà per illuminare il soggetto e trovarne la corretta esposizione. Le altre due serviranno per illuminare uniformemente lo sfondo, ricreando il bianco che stiamo cercando.

Quali luci utilizzare per una buona fotografia con sfondo bianco?

Esistono molte tipologie di luci e sfondi che potrai usare per questa tecnica, vediamo quindi di fare un po' di chiarezza su quali sia meglio utilizzare per i tuoi scopi.

Per quanto riguarda le luci secondo me, soprattutto per iniziare, non hai bisogno di potenti flash esterni, ho ottenuto ottimi risultati anche con luci economiche. Ricordati che per una buona diffusione della luminosità dovrai utilizzare gli appositi ombrelli, ti aiuteranno a mantenere uno sfondo con un'esposizione uniforme.

Se non hai necessità di fare delle fotografie professionali, anche per quanto riguarda lo sfondo non ti fare troppi problemi.

Se devi fare un fotografia di ritratto con sfondo bianco anche un muro può andare bene. L'importante è che sia perfettamente bianco, senza una minima interruzione di continuità. Il risultato non sarà sicuramente quello di uno studio fotografico ma per fare un po' di pratica può andare più che bene.

Se invece vuoi realizzare qualcosa di un po' più professionale, dovrai per forza di cose utilizzare un fondale fotografico.

Il fondale fotografico è un accessorio che viene spesso usato in studio per ricreare l'atmosfera desiderata. Esistono tre tipologie di fondale che differiscono per la loro struttura, possiamo avere uno sfondo in: vinile, tessuto e carta.

Qualsiasi sia il modello da te scelto, dovrai posizionarlo dietro il soggetto dello scatto prestando attenzione che non si formino pieghe o increspature sulla superficie. Per rendere più agevole quest'operazione, generalmente il fondale viene montato su un apposito supporto.

Ti consiglio di utilizzare fondali in tessuto, perché rappresentano il giusto compromesso tra qualità fotografica e praticità. Ti dico questo perché ho provato tutte le versioni: quelli in carta si increspano solo a guardarli, mentre quelli in vinile sono veramente scomodi e ingombranti.

Still life e softbox: la coppia perfetta

Se non ti interessano fotografie di ritratto con sfondo bianco ma intendi riprendere solo piccoli soggetti, ho una buona notizia per te.
Per ottenere buoni scatti in tutta facilità, puoi evitare l'acquisto di luci e fondale e comprare un pratico softbox.

Il softbox è una piccola scatola in plastica in cui inserire l'oggetto da fotografare. Questo strumento è corredato di decine di led che una volta accesi permettono una perfetta diffusione della luce.

Il tuo solo compito sarà semplicemente quello di posizionare l'oggetto e fotografare. Potrai così ottenere immagini come quelle delle riviste, dove il soggetto sembra fluttuare su un lucente sfondo bianco.

Fotografia con sfondo bianco: ultimi consigli

Per quanto riguarda la parte tecnica non ci sono molte cose da dire.

Dopo aver pensato alla composizione e messo a fuoco il soggetto, la tua unica preoccupazione sarà quella di trovare la corretta esposizione.
Per avere il pieno controllo di questa variabile potrai usare il triangolo dell'esposizione, cambiando i valori di tempo e diaframma.
Controlla inoltre l'istogramma dei tuoi scatti, per verificare di non aver bruciato troppo le alte luci.