InsightAgency

30 consigli per migliorare i ritratti fotografici


I ritratti fotografici sono spesso più accattivanti rispetto agli altri generi di fotografie perchè spesso raccontano una storia con un semplice sguardo.

Anche se c'è chi preferisce la fotografia naturalistica o paesaggistica, io amo fotografare le persone, anche se mi rendo conto che è estremamente difficile "immortalare" in uno scatto la vera storia che si nasconde dietro ad un soggetto. 

È questo il motivo che mi ha spinto a scrivere questo articolo nel quale ho provato a mettere insieme alcuni  consigli, applicabili alla maggior parte delle situazioni, che possono metterci sulla buona strada per ottenere degli ottimi ritratti fotografici. Vediamoli assieme.

1 - La luce

La luce è tutto ed è la cosa più importante in una fotografia. La location perfetta, la posa o una composizione interessante non sono nulla senza la luce! C’è sempre bisogno di luce per poter fotografare e una delle cose più difficili in fotografia è trovare una buona luce, una luce interessante, non troppo forte ma nemmeno troppo fioca, calda ma non troppo. Una buona foto inizia sempre con una buona luce.

Quando inizierete a capire le differenze tra una luce “normale” e una “buona luce” le vostre fotografie e i vostri ritratti fotografici miglioreranno sensibilmente. Non preocupatevi se vi prenderanno in giro quando vi sentiranno dire “Ecco, questa è la luce che cercavo! Scattiamo…” o frasi simili, è il normale comportamente di ogni fotografo cercare la luce “perfetta”.

2 - Ora del giorno

Un modo per catturare una buona luce ed ottenere ottimi ritratti fotografici è quello di scattare quando il sole è basso all’orizzonte ovvero da 1 ora prima del tramonto o sino ad 1 ora dopo l’alba. I fotografi amano chiamare questa ora come la “golden hour”, l’ora d’oro. Il sole è basso, la luce non è forte come durante il giorno e la temperatura della luce è calda e perfetta per i ritratti.

Difficilmente farete sessioni fotografiche all’alba, il 99% delle volte scatterete al tramonto ma vi garantisco che l’alba è perfetta per fotografare. Innanzitutto non dovrete correre perché il sole nasce e non tramonta per cui non avrete fretta di scattare, al massimo la luce diventerà più chiara e forte ma sicuramente non rimarrete al buio. Altro vantaggio dell’alba è che in certi periodi dell’anno potrete trovare una leggera foschia (da qualche parte anche nebbia) che donerà una sorta di magia ai vostri ritratti. Provare per credere!

3 - Scattate dopo la pioggia

Un’altra situazione molto interessante per scattare ottimi ritratti fotografici e trovare una luce unica è dopo la pioggia. Quando le nuvole cominciano a diradarsi troverete una luce diffusa e morbida, perfetta per immortalare il vostro soggetto. Se c’è un temporale in previsione, non annullate la vostra sessione fotografica. Attendete la fine della tempesta e ai primi raggi di sole uscite a scattare, ne varrà sicuramente la pena. Ovvio che se il meteo annuncia pioggia per una settimana è meglio starsene in casa a bere una cioccolata in tazza!

4 - State "stretti"

Mi capita spesso di fare ritratti fotografici che hanno troppo spazio attorno al soggetto e sono costretto in post-produzione a tagliare l’immagine per togliere spazio inutile. Il mio consiglio è di stare vicini al soggetto per catturare più dettagli del suo sguardo e per creare un ritratto decisamente più intimo e seducente. Resistete alla tentazione di indietreggiare e catturate il più possibile solamente il soggetto interessato.

 

ritratti fotografici

 

5 - Lasciate “respiro” oltre lo sguardo

Se state fotografando il vostro soggetto di profilo o leggermente di lato, non posizionate il volto esattamente al centro dell’inquadratura, mettetelo leggermente da una parte cercando di seguire la regola dei terzi. Inoltre lo suardo deve andare verso la parte dell’immagine che rimane vuota per non “soffocare” l’immagine. Lasciate “respiro” oltre lo sguardo per dare un senso di profndità all’immagine.

 

ritratti fotografici

 

6 - Aiutatevi con le cornici naturali e le linee guida

Per aiutare l’osservatore a concentrare la sua visione sul vostro soggetto, aiutatevi con gli elementi che trovate nell’ambiente in modo da creare una sorta di “cornice” naturale nella quale posizionerete il soggetto. Usate elementi basilari come porte o finestre per far convogliare lo sguardo di chi osserva all’interno dove ci sarà il vostro soggetto.

In mezzo alla natura potete usare un’apertura tra dei cespugli o un ramo alla fine del quale troveremo il soggetto. Si chiamano linee guida proprio perché guidano lo sguardo dell’osservatore su quello che conta veramente nell’immagine. Potete usare strade, marciapiedi, rami o qualsiasi altra cosa che vi porti lo sguardo direttamente sul soggetto.

 

ritratti fotografici

 

7 - Usate una lente con focale lunga

I ritratti fotografici solitamente suggeriscono l’uso di una lente con una lunga focale, almeno un 85mm, meglio se 100mm o oltre. Molti fotografi di moda usano il teleobiettivo 70-200 zoommato a 200mm quasi sempre. A differenza del grandangolo, un teleobiettivo non deforma i lineamenti del viso, cosa sicuramente non gradita dal nostro soggetto.

Le lenti con una lunga focale inoltre, rendono più sfocato lo sfondo dell’immagine donando più importanza al vostro soggetto. Anche con una lente KIT economica, con un’apertura a F/5.6 a 200mm potrete ottenere questo effetto, non serve per forza una lente costosa. Occhio però a tenere sempre a fuoco il vostro soggetto altrimenti lo sfuocato sullo sfondo non avrebbe più importanza.

8 - …o anche una lente con focale corta ma non troppo!

Se vi trovate nella situazione in cui dovete fotografare persone all’interno di una casa o di un ufficio il teleobiettivo ovviamente non è utilizzabile. Per questo motivo potrete usare anche focali più corte tipo 50mm o al massimo 35mm. Non andate sotto a questo valore e comunque sia, cercate di non avvicinarvi troppo al soggetto. Queste lenti tendono a schiacciare il soggetto e a renderlo paffuto, cosa non piacevole da vedere.

9 - Usate il diaframma molto aperto

Nei ritratti fotografici, utilizzare un diaframma molto aperto con un’apertura di f/1.2 o f/1.4 (sempre che il vostro obiettivo lo permetta), non solo farà entrare un sacco di luce nella fotocamera riducendo i tempi di scatto e di conseguenza l’effetto mosso, ma limiterà al minimo la profondità di campo creando anche un piacevole effetto “bokeh” nel quale vedrete lo sfondo completamente sfuocato risaltando il soggetto.

Occhio solamente a cosa mettete a fuoco perché con un diaframma molto aperto la profondità di campo è limitata a pochi centimetri! Mettete a fuoco sempre all’occhio più vicino a voi.

10 - Cercate una grande finestra

I fotografi amano le finestre! Le finestre diffondono meravigliosamente la luce del sole. Se avete a disposizione una finestra che volge verso nord o verso sud è ancora meglio perché avrete più luce per tutto il giorno. Tenete il soggetto non troppo vicino alla finestra in modo che le ombre non siano troppo nette e la luce non sia troppo dura, eventualmente potrete utilizzare una leggera tenda bianca per creare un diffusore naturale. La luce naturale delle finestre è la migliore amica dei fotografi!

 

ritratti fotografici

11 - Semplificate lo sfondo

Nei ritratti fotografici il vostro soggetto è l’elemento unico e principale della fotografia, tutto il resto crea solamente distrazione. Ogni volta che vi ritrovate a scattare un ritratto guardate sempre come e dove posizionarlo in modo da avere sullo sfondo meno cose possibili. Non serve cercare un muro bianco e probabilmente sarebbe anche banale, cercate solo di non includere troppi elementi. Il vostro soggetto è il protagonista, non l’ambiente attorno a lui. In questo caso il motto “meno è meglio” è assolutamente valido.

 

ritratti fotografici

12 - Occhio alla posizione del sole

Se state fotografando in esterna viene naturale posizionare il vostro soggetto in modo che abbia il sole di fronte e che venga completamente avvolto dalla luce. Questo però farà chiudere gli occhi al vostro soggetto e i ritratti non saranno naturali, la luce del sole è troppo potente ed è normale socchiudere gli occhi quando ci troviamo di fronte alla luce solare. Il mio consiglio è quello di mettere il sole lateralmente al soggetto (o addirittura dietro), vi dovrete avvalere però di un pannello riflettore che vi aiuterà a far “rimbalzare” la luce sul soggetto illuminandolo senza però farlo accecare. Oltre ad agevolare lo sguardo del soggetto, il pannello riflettente andrà ad illuminare eventuali ombre dure che si creano solitamente quando c’è troppo sole nelle ore centrali della giornata.

13 - Rendete il soggetto la parte più luminosa della foto

Per portare lo sguardo dell’osservatore sul vostro soggetto, cercate di renderlo la parte più chiara e luminosa dell’immagine. Scegliete con cura uno sfondo che sia abbastanza scuro e non troppo colorato, non serve andare in una grotta, basta prestare un minimo di attenzione a quello che vi circonda per trovare sicuramente lo sfondo che fa al caso vostro.

ritratti fotografici

14 - Nei ritratti fotografici gli occhi SONO sempre a fuoco

Gli occhi sono la parte più importante di un ritratto fotografico. Gli occhi sono espressivi e parlano da soli, per questo motivo devono essere la parte più a fuoco e nitida del vostro ritratto. Se mettete il soggetto leggermente di profilo, il fuoco va messo sull’occhio più vicino a voi, mai su quello più lontano. Se non vi piace un ritratto con solamente un occhio perfettamente a fuoco, fate girare leggermente il vostro soggetto oppure chiudete maggiormente il diaframma in modo da avere più profondità di campo. Occhio al tempo di scatto però!

ritratti fotografici

15 - Abbassatevi per ritrarre i bambini

Se dovete fotografare i bambini non state in piedi ma abbassatevi al loro livello mettendovi in ginocchio o seduti. In questo modo avrete 2 vantaggi: riuscirete ad includere anche l’orizzonte dietro al soggetto e non solo la terra che non è proprio piacevole da vedere ma soprattutto riuscirete a scattare una foto dal loro punto di vista dando al soggetto più forza all’interno della fotografia.

16 - Usa un treppiede e lo scatto a distanza

Provate ad immortalare ritratti mettendo la vostra fotocamera su un treppiede e usate un telecomando wireless a distanza per scattare. Questa tecnica non solo vi stabilizzerà la vostra fotocamera, vi assicurerà un’immagine perfettamente nitida e soprattutto vi permetterà di “uscire” da dietro la camera ed interagire con il vostro soggetto in modo naturale.

Questa tecnica è spesso usata per i ritratti fotografici di bambini. Potrete farli ridere ed interagire direttamente con loro mentre scatterete foto a loro insaputa immortalando sorrisi ed espressioni estremamente naturali. Provare per credere.

17 - Spegnete le luci

Se state fotografando all’interno di un edificio, spegnete tutte le luci artificiali e usate solamente la luce della finestra o, se non c’è luce naturale, la luce del vostro flash. In questo modo risolverete il problema delle molteplici temperature di colore che solitamente si hanno con le luci dei lampadari (tungsteno) che tendono ad essere molto calde e a saturare di rosso il vostro soggetto.

Con la luce naturale o quella del flash, l’effetto sarà più naturale e non dovrete tribolare troppo in post-produzione.

18 - Usate un tempo di scatto rapido

Per quanto possibile usate un tempo di scatto il più veloce possibile in particolar modo se state ritraendo dei bambini. A meno che non vogliate ricercare un mosso creativo, che nelle foto di bambini è anche piacevole, il tempo di scatto da utilizzare dovrebbe essere almeno di 1/200 sec. o anche più veloce.

Anche se sembrano fermi possono muoversi da un momento all’altro e con un tempo di scatto lungo vi garantisco che non riuscirete nemmeno a fare uno scatto decentemente a fuoco.

19 - Non abbiate paura di aumentare la sensibilità ISO

Se avete seguito il suggerimento precedente ma non riuscite ad ottenere un tempo relativamente rapido nonostante l’apertura del diaframma sia al massimo, aumentate la sensibilità ISO. Molti fotografi hanno paura di aumentare questo valore perché temono di rovinare la fotografia a causa del rumore.

Non abbiate questo timore, in caso di scarsa luce aumentare la sensibilità ISO anche fino a 3200 o 6400 in modo da avere uno scatto veloce e per questo motivo perfettamente a fuoco. E’ sempre meglio avere uno scatto nitido con del rumore che non avere lo scatto perché completamente mosso e irriconoscibile!

 

ritratti fotografici

20 - Provate in bianco e nero

Cambiare il colore della vostra fotografia in bianco e nero è un buon modo per focalizzarsi maggiormente sull’espressione del soggetto. Ogni volta che scatto un buon ritratto provo sempre anche a convertirlo in bianco e nero e spesso lo preferisco. In particolar modo i ritratti fotografici di persone anziane, con visi scavati dalla fatica della vita, vengono molto più enfatizzati se convertiti in bianco e nero. Tale conversione è inoltre molto utile se avete utilizzato una sensibiita ISO molto alta perché va a “camuffare” il rumore creato.

 

ritratti fotografici

21 - Scattate da diverse angolazioni

Un passo o due a destra o a sinistra possono completamente cambiare una fotografia. Girate attorno al vostro soggetto e immortalatelo da diverse angolazioni, non soffermatevi a fotografarlo di fronte. Vi renderete conto che ogni soggetto è differente, chi viene meglio di profilo, chi di fronte. Cercate sempre prospettive differenti, muovetevi e sperimentate posizioni diverse.

22 - Bokeh balls

Se state fotografando con poca luce, fate attenzione a tutte le piccole sorgenti luminose attorno al soggetto che state ritraendo. Lampioni, fari, luci di arresto di macchine e qualsiasi altri piccola lucina si possono trasformare in un piacevole effetto chiamato “bokeh balls” che può dare un tocco creativo al vostro ritratto. Questo effetto lo otterrete solamente se le sorgenti luminose sono lontane dal vostro soggetto, inoltre serve un buon sfondo sfuocato pertanto cercate di tenere aperto il più possibile il diaframma per ottenere questo effetto.

 ritratti fotografici

23 - Tenete un flash esterno sempre pronto

E’ ovvio che la luce naturale è sempre preferibile nei ritratti fotografici, ma quando ci troviamo di fronte a situazioni di scarsa luce (mi riferisco per esempio a fotografie in casa) teniamo sempre pronto e carico un flash esterno. Mi riferisco ad un flash esterno e non a quello incluso nella fotocamera perché i flash integrati sono completamente fuori controllo. E’ vero, a volte ci salvano la fotografia e ci possono aiutare ma non hanno la possibilità di essere controllati manualmente e nemmeno posizionati come vogliamo, sparano una luce (nemmeno così potente) e basta.

Il flash esterno invece ha la possibilità di esser controllato manualmente al 100%, possiamo ridurre la luce sparata ma la cosa migliore è che possiamo inclinarlo indirizzando il fascio di luce verso un muro o il soffitto. La luce riflessa dalle pareti è molto più morbida della luce sparata direttamente sul volto del soggetto e renderà il ritratto più piacevole. Inoltre i flash esterni possono essere staccati dalla fotocamera e controllati via wireless dando al fotografo la possibilità di posizionarli ovunque attorno al soggetto per creare effetti particolari. Tenetene sempre uno pronto e carico nel cassetto!

24 - Scattate tutti i giorni per fare pratica

Per poter imparare nuove tecniche e capire come sia possibile migliorare la vostra fotografia ritrattistica, scattate e sperimentate tutti i giorni con amici e famigliari. Modificate le impostazioni, aprite il diaframma, aumentate gli iso e tenete corti i tempi di scatto poi cambiate tutto e osservate come cambiano le foto al cambiare delle impostazioni della vostra fotocamera. Solo sperimentando imparerete più velocemente e ricordatevi….sbagliando s’impara!!!

25 - Catturate espressioni naturali

Questo è uno dei suggerimenti più difficili da seguire in una sessione di ritratti fotografici. Cercate di catturale nei vostri soggetti un’espressione il più naturale possibile. Chiedere di sorridere alle persone vi porterà ad immortalare un sorriso falso. Cercate di interagire con il soggetto facendolo rilassare e sentirsi a suo agio, parlate, fatelo ridere e cercate di distrarlo dalla vostra fotocamera.

Nella fotografia ritrattistica il mettere a proprio agio il soggetto non è una cosa che tutti riescono ad ottenere. Ci vuole pazienza e una buona dote nell’interagire con le persone, non basta il solito “cheese”. Provate e vedrete che i vostri ritratti assumeranno una naturalezza incredibile.

 

ritratti fotografici

26 - Guardate oltre al mirino

Questo suggerimento vale in particolar modo se state eseguendo una sessione di ritratti fotografici in un ambiente affollato come una piazza o una strada con del traffico. Non guardate solamente all’interno del mirino della fotocamera, prima di scattare e dopo aver interagito con il soggetto facendolo sentire a suo agio, date una veloce occhiata a tutto ciò che circonda il soggetto in modo da non trovarvi a scattare con elementi di disturbo che entrano nell’immagine all’ultimo istante.

Mi riferisco per esempio a macchine che attraversano la strada o ad altre persone che improvvisamente sbucano dal nulla rovinandovi la fotografia. Date sempre uno sguardo tutto attorno a voi e non focalizzatevi solamente sul soggetto. Occhio anche agli oggetti dietro al soggetto, non è bello vedere spuntare un palo della luce o un albero dietro la testa della persona che state immortalando.

27 - Cercate anche le ombre

La fotografia ha bisogno di luce, nella maggior parte di questi suggerimenti si parla solamente di luce e di fonti luminose ma sappiate che per un buon ritratto serve anche l’ombra. L’ombra da dimensione, forma e profondità al soggetto, senza di essa il vostro ritratto sarà piatto e poco interessante. Non eliminatela del tutto, l’ombra nei ritratti può fare altrettanto, se non di più, della luce!

28 - Prestate attenzione all’abbigliamento

Se possibile, fate indossare al vostro soggetto abiti neutri o scuri per evitare che l’abito rubi la scena allo sguardo e per far si che si evitino riflessioni colorate negli occhi della persona immortalata. E’ lo sguardo che deve parlare e il colore degli occhi deve essere più naturale possibile evitando di essere influenzato da colori sgargianti indossati dal soggetto.

29 - Usate una post-produzione il più naturale possibile

Viviamo nell’era del photoshop e della post-produzione spesso esagerata, vedo sempre di più ritratti su riviste con filtri opachi, sbiaditi, vintage e con tutti i filtri più creativi possibili. Il mio consiglio è quello di post-produrre il vostro ritratto nel modo più naturale possibile, fate un buon bilanciamento del bianco per rendere la pelle naturale ma non spingetevi troppo con la creatività dell’elaborazione. Un bel viso è bello naturale, non troppo ritoccato.

30 - Curate la relazione col soggetto

Ultimo ma non ultimo consiglio, anzi forse è il più importante,  è quello di curare il più possibile il vostro rapporto con il soggetto che state fotografando. Nei ritratti fotografici, come in tutti i generi, la tecnica è molto importante ma è la relazione che si viene a creare col soggetto che renderà il vostro ritratto molto più interessante tirando fuori tutta la naturalezza possibile alla persona che state immortalando.

Il vostro rapporto col soggetto dovrebbe iniziare molto prima dello scatto dell’otturatore e continuare anche dopo la sessione fotografica. I migliori fotografi di ritratto sono maestri nel sapere intratterene i loro soggetti. Non è semplice, ma non sottovalutate il potere di una connessione personale con il vostro soggetto al fine di ottenere un ritratto estremamente migliore.

InsightAgency

3 consigli per ottenere più recensioni online

Se buone o cattive, dipenderà da voi, ma ecco come spingere gli utenti a scrivere di voi e crearvi una reputazione

Costruire la propria autorevolezza sul web è un obiettivo che comporta l’applicazione di diversi accorgimenti, tutti in sinergia tra loro: per raggiungere tale scopo, un’attività può avviare delle campagne di inserzioni a pagamento, elaborare una strategia di creazione di contenuti, scegliere con particolare cura il proprio tone of voice e i canali di comunicazione da utilizzare.

Oltre a questi, però, c’è un elemento chiave che, in verità, si rivela spesso più incisivo di tutti gli altri: le recensioni degli utenti. Ci basterà pensare a piattaforme come Tripadvisor o Yelp, che sono state ideate proprio per raccogliere questo tipo di feedback: nella semplice scelta di un ristorante, ad esempio, la decisione finale del consumatore è estremamente condizionata da ciò che legge nelle opinioni lasciate da altri clienti.

Anche Google My Business, il sistema di schede locali per le attività commerciali sul territorio, prevede la possibilità di inserire recensioni, così come le pagine Facebook hanno l'opzione consiglia/non consiglia, che è possibile accompagnare a un commento.

Avere buone recensioni può davvero determinare un flusso di cassa maggiore, poiché la reputazione del brand non viene suggerita in modo autoreferenziale, ma sono i clienti stessi a comprovarne la validità, senza ricevere in cambio alcun tipo di compenso. Per questo, i loro commenti sono automaticamente ritenuti più autentici, sinceri e, di conseguenza, affidabili.

Allo stesso modo, naturalmente, la piattaforma concessa agli utenti per esprimersi potrebbe rappresentare un rischio per le attività stesse: un insieme di cattive recensioni può davvero penalizzare la popolarità e la reputazione di un marchio.

Oggi vogliamo soffermarci con voi su alcune strategie orientate a ottenere recensioni - positive, si spera, ma questo dipenderà dalla bontà del prodotto e/o del servizio! - allo scopo proprio di consolidare la vostra autorità, online e indirettamente anche offline.

 

1) Scommettere sull’overdelivering

La traduzione letterale del termine potrebbe essere “dare (o consegnare) più del previsto”. Il marketer Todd Brown ha trovato una nuova lettura di questo concetto, definendolo un imperativo a “dare un valore inaspettato”.

Che cosa significa questo, in senso pratico? Vorrebbe dire fare un regalo ai vostri clienti, offrendo loro un prodotto extra al momento dell’acquisto. Tale prodotto dovrebbe essere idealmente non ancora conosciuto al pubblico, magari addirittura inedito, non reperibile presso altri rivenditori.

È naturale che ricevere questo piccolo dono inaspettato e spontaneo susciterà nel consumatore delle sensazioni positive, migliorando la sua esperienza d’acquisto tanto da stimolarlo a lasciarti una recensione positiva.

 

2) “Che ne pensi?”: il follow up via e-mail

Un’altra strategia che, una volta ben organizzata, non richiede un dispendio eccessivo di risorse, è il follow up via e-mail. Esso consiste, sostanzialmente, nello scrivere al cliente nel periodo seguente all’acquisto, per chiedere voi stessi/e notizie e recensioni.

Per quanto sia una tattica concettualmente semplice, anche su questo punto bisognerà prestare qualche accorgimento, dalla raccolta dei contatti, all’attenzione al tono di voce del messaggio che scriverete, alla scelta del momento giusto per farsi sentire.

Quest’ultimo aspetto può rivelarsi particolarmente importante: contattare il cliente troppo presto significherebbe creare ansie e pressioni, in una fase della sua esperienza già piuttosto delicata. Senza contare che, per determinate categorie merceologiche, il tempo necessario per “testare” un prodotto può essere piuttosto prolungato.

Una cena ordinata a domicilio chiaramente sarà consumata subito, ma l’acquisto di un elettrodomestico, ad esempio, richiederà diversi giorni per essere validato. Attenzione, quindi, a non esercitare una pressione eccessiva.

 

3) Inviate prodotti a domicilio? Non dimenticate il packaging

Sembrerà un aspetto superficiale, ma non lo è affatto. Ogni occasione è un’opportunità preziosa per personalizzare gli ordini. Concorderete che è molto gradevole ricevere un prodotto in cui ogni aspetto dell’imballaggio ha una certa coerenza grafica: anche questo migliorerà l’esperienza di acquisto, anche se con discrezione.

Ricordate che potete anche sbizzarrirvi con il contenuto di questi pacchi. Ad esempio, potreste scrivere una lettera personalizzata per il consumatore, in cui illustrate qualche consiglio utile su come ottenere il meglio dal vostro prodotto, magari sottolineando i vostri contatti e i vostri riferimenti sui social. E a questo punto, perché non chiuderla proprio con una call to action a lasciarvi una recensione?

Un altro elemento che potrete facilmente inserire è il classico coupon promozionale. Offrire un’opportunità di risparmio è un pensiero sempre gradito al cliente, che può giocare anche a vostro vantaggio: proponendo uno sconto sugli acquisti seguenti dei vostri prodotti, il consumatore potrà fare un nuovo investimento e sarà incoraggiato a scegliere di nuovo voi e il vostro brand. Se soddisfatto da questa premura, vi lascerà anche un buon feedback.

 

Queste sono solo tre delle strade che potete percorrere per ottenere più recensioni. Sono davvero numerose le strategie e gli incentivi che possiamo offrire al nostro pubblico, per dare una svolta alla reputazione e di conseguenza alle vendite della nostra attività. Anche su questo aspetto, essere creativi è una regola fondamentale: usate gli strumenti che avete a disposizione per raggiungere i vostri obiettivi.

Se pensate di avere bisogno di un piccolo aiuto in questo, ci sono team di esperti nati proprio per aiutare le attività a creare e tutelare la propria reputazione online. Noi ci occupiamo proprio di questo, e ideiamo soluzioni ad hoc per aziende di ogni dimensione e professionisti. Contattateci per una consulenza gratuita.

InsightAgency

Alcuni consigli per semplificare il proprio linguaggio


Per consulenti finanziari, per banche, per piattaforme di servizi B2B, per assicurazioni… Sulle nostre scrivanie ne sono passati e ne passano parecchi di testi da sbrogliare. Ogni volta il lavoro è: capire di cosa stiamo parlando per ritrovare il bandolo della matassa, operare la sofisticata arte della semplificazione del linguaggio, lavorare di creatività per rendere il testo più coinvolgente – mica semplice quando devi lavorare su contenuti che hanno più numeri che lettere dell’alfabeto!

In questo articolo ti parlo di semplificazione del linguaggio. Ti passo un po’ di suggerimenti per migliorare la qualità e l’efficacia di un testo, e farlo brillare per chiarezza e immediatezza.

Il difficilese non piace più a nessuno, nemmeno alla Pubblica Amministrazione!

“Al rigore di chi scrive deve corrispondere la comprensione di chi legge.”

La penna che scrive non è quella di Italo Calvino, di Tullio De Mauro, di Gianrico Carofiglio o di Luisa Carrada – esperti che ci hanno regalato grandi contributi sulla chiarezza del linguaggio. La penna che scrive è quella blu del Ministero per la Pubblica Amministrazione. Più precisamente, la frase che hai letto è estrapolata dalla Direttiva in materia di semplificazione del linguaggio.

Sì, tutto vero: il Dipartimento della Funzione Pubblica ha emanato una serie di direttive per semplificare il linguaggio burocratico delle Pubbliche Amministrazioni a favore di una comunicazione più semplice e immediata, che metta al centro i cittadini. Questa qui, può chiamarsi rivoluzione: anche l’ultimo dei baluardi del difficilese è stato preso (almeno in teoria)!

“L’amministrazione che risponde in modo preciso, ma naturale, usando parole di tutti i giorni, non banalizza il contenuto, né svilisce il suo ruolo, ma prende l’iniziativa di cambiare le regole del gioco. Questa, insieme alla precisione, è vera autorevolezza.”

Lo scrive Luisa Carrada. In un suo articolo spiega come, attraverso la semplificazione, si possa accorciare le distanze tra chi scrive e chi legge – anche là dove le distanze sembrano da giganti, come quelle che separano la Pubblica Amministrazione dai cittadini. Per accorciarle serve un linguaggio più semplice e più aderente alla realtà. Tutt’altro che semplice, però, è riuscire a ottenerlo.

Consigli di semplificazione in ambito redazionale

Le parole da usare, la struttura delle frasi e la formulazione e organizzazione dei concetti da esprimere. Ecco da dove si parte. Poiché, come già sai, usare termini di settore, arcaici o presi a prestito da altre lingue, formulare periodi lunghi e complessi, pieni di subordinate, di incisi o di relative, riduce il grado di comprensione di un testo. E quando questo accade, perdiamo il lettore e smettiamo di comunicare.

Ecco alcuni consigli per testi più chiari e comprensibili:

  • Scegli le parole giuste per il tuo target: il lessico deve essere tarato sul pubblico. Più è eterogeneo, più è bene ricorrere a parole che rientrano nel vocabolario di base. La scelta è comunque ampissima: Tullio De Mauro (nel suo vocabolario di base) ne conta circa 7000!
  • Prima la chiarezza: chiediti sempre se non ci sia una parola più chiara, più aderente al concetto che vuoi esprimere, di quella a cui stai pensando. Lavora con il dizionario dei sinonimi sempre aperto.
  • Usa con criterio le sigle: alla prima occorrenza aggiungi una parentesi che le spieghi per esteso.
  • Evita le perifrasi: pochi giri di parole, più parole giuste.
  • Taglia i rami secchi: avverbi, lunghe liste di aggettivi (specie se sinonimi), incisi poco incisivi. Tutto questo appesantisce il testo, rallenta la lettura, complica la comprensione.
  • Vai di trasparenza: prediligi la forma attiva ed evita le costruzioni impersonali e oscure.
  • Formula frasi brevi e lineari: disponi con ordine soggetto, verbo e complementi. Non aggrovigliare le frasi con un gran numero di subordinate e coordinate, o rischierai di far perdere il filo al lettore.
  • Controlla la linearità: accertati che il testo sia lineare ed esposto in ordine logico, che non ci siano ragionamenti o informazioni implicite.

P.S. Ti ricordo che la “readability” di un testo, così come la chiamano gli anglosassoni, si può misurare.

Consigli di semplificazione in ambito grafico

Ora mi sposto nella stanza dell’art, perché per semplificare un testo e aiutare il lettore a comprenderlo bisogna anche lavorare sul lato design. E in questo compito, copywriter e art operano a braccetto.

Ecco la lista di cose da controllare sempre, lato grafico, in un testo:

  • Il carattere è grande abbastanza? Deve farsi leggere senza sforzo. Non dimenticare di controllare anche la sua leggibilità da mobile!
  • Il font è facilmente leggibile? Tra un font bastoni e un font con grazie, il primo è più pulito e facile da leggere (specie quando il carattere non è molto grande). Occhio anche ai calligrafici: affaticano tanto la lettura e spesso diventano proprio incomprensibili.
  • L’interlinea è abbastanza ampia? Non far venire il mal di testa ai tuoi lettori.
  • C’è abbastanza contrasto tra carattere e sfondo? Accertati anche che la combinazione di colori (testo-sfondo) non sia fastidiosa. Per esempio: un testo rosso su sfondo blu crea un effetto ottico davvero poco piacevole.
  • Il testo ha delle pause e degli appigli? Dividilo in paragrafi per creare delle pause, usa gli elenchi puntati per ordinare le informazioni, sfrutta i grassetti per dare rilievo alle informazioni salienti.
  • Gli elementi grafici aggiungono valore? Il visual non è decorazione e non è un riempitivo: è un elemento che completa il testo e ne aggiunge potenza comunicativa.

Con i consigli abbiamo finito. Ora ti lascio così, con il bandolo della matassa in mano, augurandoti felici “sbrogliamenti”.

 

InsightAgency

Da un famoso pubblicitario 10 regole per il buon scrivere. I suoi consigli sono sempre validi?

 


D
agli anni
’80 consigli pensati per il copywriting e l’attività pubblicitaria, ma che si adattano a qualsiasi tipo di scrittura.

I consigli di scrittura da scrittori famosi sono da sempre andati di moda come contenuti utili per aspiranti scrittori e non solo.

Se all’inizio li avevo apprezzati, poi ne sono stato un po’ diffidente, perché, a parte qualche consiglio universalmente valido, il resto è stato valido per l’autore in questione e non è detto che lo sia per tutti.

Ho trovato tanti articoli, in italiano e in inglese, sui consigli di scrittura da David Ogilvy e ho voluto vedere quanto fossero utili a scrittori e blogger, oggi.

Chi è David Ogilvy?

Era un dirigente pubblicitario britannico, famoso per i suoi testi creativi e definito “il padre della pubblicità”, proprietario di una delle agenzie pubblicitarie più famose e grandi al mondo, la Ogilvy & Mather.

Divenne fonte di ispirazione per molti pubblicitari e ebbe un forte impatto nell’attività pubblicitaria dopo la Seconda guerra mondiale. Ogilvy nacque nel 1911.

Altri tempi, dunque. Che c’entra? Semplice: il mondo, dai tempi di Ogilvy, è cambiato. Oggi, per esempio, abbiamo internet, che semplifica il lavoro in moltissimi campi.

10 consigli di scrittura da David Ogilvy

Questi consigli provengono da una nota che Ogilvy scrisse e fece circolare nella sua agenzia pubblicitaria il 7 settembre 1982. Fu introdotta dal seguente testo:

Se tutti nella nostra azienda sostenessero un esame di scrittura, i voti più alti andrebbero ai 14 Consiglieri.
Meglio scrivi, più in alto salirai alla Ogilvy & Mather. Chi pensa bene, scrive bene.
Chi ha una mentalità confusa scrive promemoria confusi, lettere confuse e discorsi confusi.
La buona scrittura non è un dono naturale. Devi imparare a scrivere bene.

Non ho fatto una traduzione letterale dei vari consigli di Ogilvy, ma, in alcuni casi, l’ho adattata meglio al contesto della scrittura. Mi trovo d’accordo con quasi tutto.

1. Leggi il libro sulla scrittura di Roman-Raphaelson. Leggilo 3 volte

Read the Roman-Raphaelson book on writing. Read it three times

Si tratta di Writing That Works; How to Communicate Effectively In Business di Kenneth Roman e Joel Raphaelson. Il titolo, tradotto, è La scrittura che funziona; Come comunicare in modo efficace negli affari.

In questa guida si parla di scrittura di promemoria aziendali, lettere, relazioni, discorsi, curriculum e e-mail, proposte e presentazioni, piani e rapporti, lettere di raccolta fondi e lettere di vendita che portano risultati. È quindi un libro specifico per copywriter, non propriamente per chiunque scriva.

Ma nel libro si parla anche di “approfondimenti sulla correttezza politica e suggerimenti per l’utilizzo di un linguaggio imparziale che non comprometta il tuo messaggio”. E su questo, sul linguaggio politicamente corretto, non sono assolutamente d’accordo.

2. Scrivi in modo naturale

Write the way you talk. Naturally

Scrivere come parliamo. Secondo me questo consiglio è in contrasto con una parte del libro qui sopra consigliato. Scrivo come parlo, ma non scrivo in modo politicamente corretto né tanto meno inclusivo.

In realtà scrivo come parlo qui nel blog, ma quando scrivo narrativa, allora scrivo come credo debba essere scritta la narrativa: coltivando uno stile di scrittura consono alla storia e al genere letterario.

3. Usa parole brevi, frasi brevi e paragrafi brevi

Use short words, short sentences and short paragraphs

Questa è diventata una delle regole della scrittura per il web e in genere mi trovo d’accordo. Non è comunque una regola che seguo sempre quando scrivo per il blog.

Il rischio è di limitare il proprio vocabolario. Un altro rischio, scrivendo solo frasi brevi, è di dare un ritmo quasi frenetico al testo.

Insomma, né la narrativa né i blog sono adatti a una scrittura telegrafica. In pubblicità è senz’altro un consiglio più che valido, invece, perché si fonda sull’immediatezza del linguaggio.

4. Non usare mai tecnicismi

Never use jargon words like reconceptualize, demassification, attitudinally, judgmentally

Possiamo concordare con questo consiglio? Sì e no, secondo me. Di nuovo: nel discorso pubblicitario è senza dubbio condivisibile non usare tecnicismi, ma in altri ambiti della scrittura, come nei blog, se occorre usarli, si usano.

Non è questione di essere pretenziosi. Non si possono incarcerare le parole, solo perché qualcuno non le conosce. A colmare certe lacune esistono i vocabolari.

5. Non scrivere troppo su un argomento

Never write more than two pages on any subject

Ogilvy parla addirittura di non più di 2 pagine. In realtà significa scrivere non più del necessario e su questo ha ragione.

Questo consiglio si adatta perfettamente alla scrittura per il web, in cui è meglio non aprire continue parentesi, inserire paragrafi fuori tema che allungano soltanto il brodo senza dare nulla di utile ai lettori.

6. Controlla le citazioni

Check your quotations

Ben detto! Quante citazioni ho trovato in rete attribuite ora a un personaggio ora a un altro. Eppure oggi, grazie al web, non è certo difficile risalire alla reale paternità di una citazione.

Scegliere una citazione è un lavoro lungo, perché bisogna controllare bene la fonte. Forse ai tempi di Ogilvy era più difficile scoprire l’errore, ma oggi è diventato molto facile.

7. Non inviare mai ciò che scrivi il giorno stesso

Never send a letter or a memo on the day you write it. Read it aloud the next morning—and then edit it

Leggilo ad alta voce la mattina dopo e poi modificalo. Sono in molti a consigliare di rileggere ad alta voce i propri scritti: il suono delle parole dà sicuramente un effetto diverso dalla semplice rilettura a mente.

Sono molto d’accordo sul primo punto, che si presta a differenti contesti. Per esempio non inviare il manoscritto del tuo libro a un editore il giorno stesso in cui l’hai finito di scrivere.

8. Se è qualcosa di importante, chiedi a qualcuno di migliorarlo

If it is something important, get a colleague to improve it

Anche questo consiglio si presta a differenti interpretazioni. Nel campo della scrittura creativa quel qualcuno è rappresentato da correttori di bozze e editor.

Ogilvy parlava di colleghi, riferendosi di sicuro ai colleghi di un’agenzia pubblicitaria. Ma ovviamente possiamo estendere quel “collega” a qualsiasi nostro conoscente che, in un certo campo, ne sappia più di noi.

9. Prima di inviare ciò che scrivi, assicurati che il destinatario sappia cosa fare

Before you send your letter or your memo, make sure it is crystal clear what you want the recipient to do

In pubblicità sarebbe controproducente un messaggio non chiaro, non “cristallino”. Possiamo anche parafrasare questo consiglio adattandolo alla scrittura in generale: “Prima di pubblicare ciò che scrivi, assicurati che il lettore capisca”.

Se Ogilvy si era riferito ai potenziali clienti (destinatari del messaggio pubblicitario), noi possiamo riferirci ai nostri lettori (destinatari, in fondo, dei nostri articoli, dei nostri libri, delle nostre newsletter, ecc.).

10. Se vuoi AZIONE, non scrivere

If you want ACTION, don’t write. Go and tell the guy what you want

Va’ direttamente dalla persona e dille cosa vuoi. Più che un consiglio di scrittura, è un invito a non scrivere.

Possiamo interpretarlo come consiglio contro l’ossessivo uso della messaggistica istantanea, che, se da una parte ha velocizzato la comunicazione, dall’altra ha disintegrato le relazioni interpersonali.

Email, WhatsApp, messaggi privati sui social – come un tempo gli sms – non sono i nuovi strumenti della socializzazione, ma potenti strumenti di emarginazione (nei casi più estremi) e di isolamento individuale.

 

 

InsightAgency

Fotografare in bianco e nero: 5 consigli utili


All’inizio della storia della fotografia, tutte le immagini erano in bianco e nero. Se nei primi anni questo era dovuto alla non esistenza di supporti che permettessero di realizzare fotografie a colori, per molto tempo la fotografia i bianco e nero ha resistito grazie al maggior costo dei supporti a colori.

Ora, con la diffusione pressoché totale della fotografia digitale, la fotografia in bianco e nero è stata relegata quasi ai margini del mondo fotografico.

Le immagini in bianco e nero però, a volte, contengono una “forza” e una “tensione drammatica” che non è riscontrabile nella fotografia a colori.

Puoi riscontrarlo nella drammaticità delle foto di Sebastião Salgado.

 



Vediamo quindi 5 consigli su come fotografare in bianco e nero.

 

#1. Scatta in RAW

Le macchine fotografiche più economiche, e gli smartphone, non possono gestire i formati in RAW. Molti utenti, poi, non settano la loro macchina per il RAW perché pensano che sia troppo difficile e impedisca una immediata condivisione degli scatti sui social network.

Il formato RAW, tuttavia, consente il massimo controllo nella fase di post produzione e permette di convertire in un modo molto efficace le tue immagini a colori in quelle in bianco e nero. Naturalmente, le riprese in formato JPEG non ti impediscono di fotografare in bianco e nero, ma se è un'opzione disponibile nella tua macchina fotografica, prova il formato RAW, potresti essere sorpreso da ciò che ti offre in post produzione.

Fotografare in bianco e nero

 

Attenzione però: il RAW produce file di dimensioni molto maggiori rispetto al formato JPEG. Utilizza quindi schede di memoria molto capienti.


#2. Scatta a colori e converti successivamente in bianco e nero

Se la tua fotocamera non ti permette di riprendere in RAW (o non lo hai scelto), scatta a colori e fai la conversione in bianco e nero più tardi sul tuo computer.

Mentre la maggior parte delle fotocamere digitali ti offre la possibilità di scattare in bianco e nero (e può produrre risultati accettabili), se fai la conversione sul tuo computer hai più controllo sui risultati finali.

 

 

Inoltre la potenza di calcolo, i filtri e i parametri di conversione sono sicuramente più efficienti utilizzando un programma sul computer, rispetto al software incluso nella tua macchina fotografica.

 Quando si scatta in RAW e si passa alla modalità bianco e nero, i risultati vengono visualizzati sul display LCD in bianco e nero, ma la fotocamera registra effettivamente tutte le informazioni (incluso il colore), il meglio dei due mondi. Ma se stai scattando in formato JPEG, scatta a colori e fai la conversione più tardi.

 

#3. Mantieni gli ISO bassi

Scatta con gli ISO più bassi possibile. Mentre questo è qualcosa che la maggior parte di noi fa nella fotografia a colori, è particolarmente importante quando si parla di bianco e nero dove il rumore creato da ISO alti può diventare ancora più evidente.

Se sei alla ricerca di questo "rumore" (o grana) puoi sempre aggiungerlo in un secondo momento nella tua post produzione, ma è più difficile se non impossibile eliminare questa grana se già la tua immagine la contiene a causa dell’elevato rumore introdotto.

 

 

#4. Quando scattare

Il nemico della fotografia a colori è il basso contrasto o la presenza di colori tenui e slavati. Sono atmosfere tipiche delle giornate nebbiose o buie e nuvolose invernali. In tali giornate sicuramente può non valere la pene di uscire di casa a fare fotografie, tanto il nostro risultato (a colori) sarà mediocre.

Perché non pensare allora di sfruttare la giornata per la fotografia in bianco e nero?

Una giornata buia o nuvolosa può essere un ottimo momento per scattare foto in bianco e nero!

Inoltre ricorda: il nostro è un mondo di colori, un semplice oggetto, se visto in bianco e nero, può suscitare sensazioni nuove.

 

#5. Composizione

La maggior parte dei suggerimenti generali su come comporre o inquadrare una buona ripresa si applicano altrettanto bene alla fotografia in bianco e nero come quando si riprende a colori. La principale differenza evidente è che non si può di utilizzare il colore per guidare l'occhio in o intorno al tuo soggetto.

Ciò significa che devi allenarti a guardare le forme, i toni e le trame nella cornice come punti di interesse.

Presta particolare attenzione alle ombre e alle alte luci che diventeranno una caratteristica del tuo scatto.

Considera le linee guida!


InsightAgency

Vuoi aumentare le vendite del tuo negozio? Ecco come fare.


Gestire le vendite del proprio negozio o della propria attività e guadagnare non è sempre facile. Se avete aperto da poco la vostra attività e avete bisogno di qualche spunto per attirare l'attenzione dei clienti, in quest'articolo vedremo alcune tecniche di marketing molto efficaci che vi permetteranno sicuramente di aumentare le vostre vendite!

Gestire un negozio può non rivelarsi un’impresa facile. Non essere in grado infatti di saper usare e sfruttare appieno le varie strategie di marketing può essere letale per un negozio. La concorrenza con alcuni colossi online come Amazon.it Ã¨ ormai spietata. Scrive repubblica.it in merito ad Amazon:

“L’Italia è stato uno dei paesi dove il marketplace di Jeff Bezos è cresciuto di più. Nei dati di vendita c'è stato un incremento eccezionale da quando è iniziata la quarantena: oltre a "Fitness e Gym” - categoria che ha registrato il maggiore aumento delle vendite (347%) - nelle prime settimane di lockdown è cresciuto molto anche il settore Food & Beverage (fonte: CBRE Global Investors, Luglio 2020). Rispetto all’anno precedente le ricerche legate al grocery su Amazon sono aumentate del 207%: dal picco di marzo, il settore ha registrato una forte crescita complessiva che si estende per tutto l'anno con una variazione in tripla cifra (fonte: Xingu)”. 

Nonostante questi dati non dovete disperarvi: in questo post vedremo qualche strategia di marketing interessante che vi sarà di grande aiuto per il vostro negozio

Prima è necessario capire qual è il target al quale desiderate rivolgervi e farvi conoscere. Vediamo esattamente come questo avviene. 

Raggiungere i clienti: come fare e perché farlo 

Il primo passo da fare se avete appena avviato un’attività è quella di raggiungere il maggior numero di clienti possibile. Ci sono diverse tecniche di marketing per poter raggiungere quest’obiettivo: la prima è sicuramente organizzare un’operazione di volantinaggio. Distribuire i volantini vicino al luogo in cui si trova il vostro negozio o in zone dove c’è un grande via vai di gente come per esempio all’uscita di una metropolitana è sicuramente un'ottima idea. 

Si tratta di un’operazione molto importante per far conoscere il vostro negozio al pubblico là fuori!

Il volantino deve però essere in grado di convincere le persone a frequentare il vostro negozio. Oltre a renderlo bello esteticamente e graficamente, è utile applicare un buono sconto magari sul primo acquisto.

Gli sconti infatti attirano i clienti, il cui obiettivo è spesso quello di acquistare oggetti o indumenti nuovi al prezzo minore.

Se l'idea del volantinaggio non vi soddisfa, potete optare tranquillamente per degli annunci online. Molto importante anche aprire una pagina social in modo da tenere aggiornati i vostri clienti su tutte le novità in merito a cambiamenti di orario, nuova merce in arrivo ecc.

Vediamo adesso un’altra tecnica di marketing legata alla scontistica.

Il cross-selling e l’up-selling: come convincere i clienti all'acquisto 

Il cross-selling è una tecnica di marketing che mira a far acquistare al cliente uno o più prodotti in più ad un prezzo vantaggioso che hanno caratteristiche in comune con il prodotto che il cliente ha già intenzione di comprare. Un esempio banale è il seguente: se un potenziale acquirente intende acquistare un cellulare, perché non proporgli l’eventuale acquisto di una pellicola protettiva magari scontata?

L’attività di cross-selling si basa su questo. In questo modo il negozio aumenta chiaramente i propri guadagni offrendo un servizio in più al cliente ad un prezzo vantaggioso, invogliando le persone all’acquisto.

L'attività di cross-selling deve essere ben organizzata e non improvvisata. Se un cliente acquista un cellulare, ha poco senso proporgli l’acquisto di un paio di cuffie ad un prezzo minore poiché il cross-selling si rivelerebbe inefficace.

Applicare la strategia del cross-selling non è sempre facile: bisogna cogliere infatti il momento giusto in modo da non importunare il cliente e perdere addirittura la vendita del primo prodotto. Se però il cross-selling ha successo è possibile che il cliente tornerà nel vostro negozio per il prossimo acquisto.

L’up-selling è invece molto differente dal cross-selling. Se il cross-selling mira a far acquistare al cliente articoli che costano meno, l’up-selling è tutto il contrario. L’up-selling infatti è una strategia di marketing che spinge i clienti a comprare articoli più costosi rispetto a quelli che avevano precedentemente scelto. Questa tecnica si basa essenzialmente nell’offrire una variante del prodotto di una qualità superiore.

Un’ottima strategia di marketing per poter incrementare le vendite del proprio negozio è sicuramente quello di mescolare il cross-selling e l’up-selling.

Vediamo adesso un’altra tecnica fondamentale per attirare l'attenzione dei clienti.

Visual merchandising: come allestire al meglio la vetrina di un negozio

La vetrina è da considerare un po’ come il biglietto di presentazione del vostro negozio. Deve essere bene illuminata in modo da consentire ai clienti di vedere senza problemi gli articoli esposti e le loro caratteristiche.

Molto importante anche inserire i cartellini dei prezzi scritti in maniera chiara e ben visibile agli occhi delle persone.

È buona abitudine anche cambiare spesso gli articoli della vetrina a seconda dei periodi. Se stiamo parlando di un negozio di abbigliamento è sicuramente utile apportare delle modifiche alla vetrina durante il periodo natalizio ad esempio, oppure esporre i capi della nuova collezione.

L’allestimento di una vetrina rientra nell’ambito del visual merchandising, ovvero una tecnica di marketing che gioca sulla disposizione e l’illuminazione al fine di rendere più interessanti i prodotti in vendita in un negozio.

Non solo i prezzi e l'illuminazione sono molto importanti ma anche la disposizione stessa della merce deve essere chiara agli occhi dei passanti: se prendiamo nuovamente come esempio il negozio di abbigliamento è bene creare una netta divisione tra i capi per donne, uomini e bambini in modo da non creare confusione agli occhi dei possibili e futuri clienti.

Vediamo adesso un’altra strategia di marketing che può rivelarsi molto utile se volete incrementare le vendite del vostro negozio!

Creare una fidelity card

Una fidelity card spesso può rivelarsi molto utile per le persone che desiderano fare spesso acquisti nel vostro punto vendita.

Può essere utile sicuramente proporre la carta a costo zero e rendendo la procedura di creazione della tessera il più snella e semplice possibile. Per motivare il cliente a svolgere la procedura di compilazione, potreste decidere di riservare una serie di sconti solo a chi possiede la tessera. In questo modo potrete sicuramente ottenere maggiori guadagni dalle vostre vendite in negozio.

Per l’iscrizione è importante chiedere l'email: in questo modo i vostri clienti saranno sempre informati sugli sconti e l’arrivo di nuovi articoli. L'email infatti vi permetterà di essere in continuo contatto con i vostri clienti, anche coloro che non dispongono di un account social e non possono vedere gli aggiornamenti sulle vostre pagine online. 

La tessera è ancora usata in molti negozi, soprattutto nei supermercati, però bisogna ammettere che ultimamente la vendita online è decisamente aumentata. Vediamo dunque quanto è importante creare un sito Internet per aumentare lo smercio degli articoli del vostro negozio

Creare un sito Internet

Gli acquisti online sono aumentati soprattutto durante la pandemia. Per forza di cose, moltissime persone si sono dovute servire dei siti e-commerce anche solo per fare la spesa. Un buon sito Internet ha consentito inevitabilmente a molti punti vendita di poter sopravvivere.

Disporre di un sito online che mette in vendita gli articoli del vostro negozio è utile sempre, non solo durante i periodi di pandemia. Molte persone infatti non possono recarsi fisicamente nei negozi per varie ragioni come gli orari di lavoro e l'eccessiva distanza che separa il cliente dal negozio fisico ad esempio.

Questo strumento vi permette dunque di raggiungere sicuramente un maggior numero di persone e di aumentare il fatturato. Inoltre, gli acquisti online non sono assolutamente diminuiti dopo la pandemia. Scrive focuscommerce.it:

“Continua l’aumento dei dati relativi gli acquisti online anche nel primo trimestre del 2021. L’Italia cavalca l’onda registrando un +78%. Questo è quanto emerge dallo Shopping Index di Salesforce. Più nello specifico, le categorie di prodotti che hanno registrato la crescita di fatturato maggiore nel primo trimestre su base annua sono, in ordine, gli articoli sportivi (101%), gli elettrodomestici (96%) e le borse luxury (95%)”. 

Nonostante questi dati però è vero che molti negozi fanno fatica a vendere i loro prodotti anche a causa dell’enorme espansione continua di giganti dell'e-commerce come Amazon.

Se siete tra coloro che gestiscono un piccolo negozio non dovete però scoraggiarvi.

Vediamo adesso una strategia di marketing molto utile e semplice per poter continuare a vendere e ad aumentare il vostro ricavato!

Un piccolo negozio? Niente paura 

Non bisogna avere il timore di ammettere che si gestisce una piccola attività. Anzi, in alcuni casi si tratta di un vero e proprio vantaggio.

Mentre nei grandi siti di vendita online come ad esempio Amazon vengono venduti prodotti in serie e tutti uguali e che spesso arrivano dall'altra parte del mondo, i piccoli negozi possono contare sull’unicità dei loro articoli.

I cosiddetti “pezzi unici”, che siano capi di abbigliamento, accessori e oggetti vari, difficilmente è possibile trovarli online. Questo perché molto spesso si tratta anche di mestieri tramandati di padre in figlio con grande impegno e dedizione che si sono persi col tempo a causa di un maggiore sviluppo dell’industria e della tecnologia.

Prima di scoraggiarsi è inoltre importante ricordarsi che esistono clienti diversi con necessità diverse: sebbene molte persone comprino da siti online molto conosciuti anche per risparmiare, ce ne sono molte altre che preferiscono invece acquistare un prodotto fatto a mano e di una certa fattura o materiale.

Quando si gestisce dunque un piccolo negozio non bisogna assolutamente provare vergogna o mostrarsi timorosi del fallimento, ma valorizzare la propria unicità rispetto ad altri tipi di mercati e attività, creando così una rete di clienti fedeli.

 

InsightAgency

Come trovare la tua visione come fotografo

 


È frustrante essere un buon fotografo ma non sapere cosa fare con le proprie capacità: puoi conoscere la tua macchina fotografica dentro e fuori, essere in grado di comporre una buona foto e catturare un grande momento, ma senza visione, ti sentirai sempre senza meta come fotografo. Rimarrete bloccati a scattare foto che non vi ispirano e forse anche a gestire un’attività fotografica che vi farà sopravvivere.


Che cos’è la “visione”?

La visione ha a che fare con il vedere, e i fotografi praticano costantemente l’arte del vedere. Avere una visione significa sapere perché si scattano foto. Sai cosa vuoi realizzare. Non sei controllato da ciò che gli altri fotografi ti dicono di fare. Sai cosa stai inseguendo e perché. “La visione è l’arte di vedere le cose invisibili” (Jonathan Swift).

visione

 

Di chi è la visione che stai vivendo?

Senza una visione propria, potresti vivere la visione di un altro fotografo. Vedi lo stile fotografico di tutti gli altri e senti di doverti conformare a quello anche se non vuoi. ma in questo modo…la tua visione non è la tua. Ma come trovare la propria visione come fotografo?

visione
Photo by Ashim D’Silva on Unsplash

Guardati indietro per trovare la tua visione

Parti dal tuo lavoro come fotografo e riscopri ciò che hai fatto in passato. Spesso non ci si rende conto del significato delle proprie scoperte finché non si vede un filo che le collega tutte. In tutta la tua esplorazione come persona creativa, vedrai gli indizi della tua visione. Concentrati su questi cinque punti:

  • Considera quali libri ami leggere.
  • Prendi nota di ciò che guardi.
  • Che tipo di musica ascolti?
  • Se fai uno schizzo o dipingi, qual è il tuo soggetto?

Ora, collega la fotografia con le tue altre attività creative, per esempio in questo modo: Tendo a leggere romanzi che esplorano la natura umana, ascolto musica con testi che parlano della vita ideale, mi piace la commedia che si prende gioco della routine quotidiana, scrivo su temi di crescita personale e studio le scienze umane all’università. Amo fotografare le persone di strada  perché mi permette di esplorare la personalità e il modo in cui le persone si comportano. Vedi in questo modo la connessione tra le tue attività creative e la fotografia?

Ricorda sempre che “Non si fa una fotografia solo con la macchina fotografica. Noi portiamo all’atto della fotografia tutte le immagini che abbiamo visto, i libri che abbiamo letto, la musica che abbiamo  ascoltato, le persone che abbiamo amato“. (Ansel Adams)

visione
Photo by Markus Spiske on Unsplash

Raccogli le foto che ami di più

  • Da che tipo di foto sei attratto e quali sono le tue foto preferite che hai scattato?
  • Cosa vedete in quelle foto e come si collegano alle vostre altre attività creative?
  • Guardate oltre la vostra fotografia a quella degli altri. Quali stampe ha acquistato o quali libri di fotografia possiede?
  • Andando avanti, fate attenzione a ciò che vi costringe a prendere la macchina fotografica e a scattare una foto.

Elenca le tue stranezze come persona

Per quanto sia strana come domanda, lo scopo è quello di scoprire cosa c’è di unico e interessante in te come persona creativa.

  • Hai uno strano hobby?
  • Avete qualche rituale divertente?
  • Cosa ti imbarazza di più?
  • Elenca le cose bizzarre che ti rendono interessante.

 

visione
Photo by Mahmudul Hasan Shaon on Unsplash

Quali sono le tue citazioni fotografiche preferite 3-5?

Le tue citazioni fotografiche preferite ti aiuteranno a trovare la tua visione come fotografo.

  • Mi rendo conto sempre di più di quello che serve per essere un buon fotografo. Ci si va sopra la testa, non solo fino al collo. (Dorothea Lange)
  • Fotografare è assaporare la vita intensamente, ogni centesimo di secondo”. – (Marc Riboud)
  • Per me la macchina fotografica è un album di schizzi, uno strumento di intuizione e spontaneità. (Henri Cartier-Bresson)
  • Tendo a pensare all’atto di fotografare, in generale, come a un’avventura. La cosa che preferisco è andare dove non sono mai stato (Diane Arbus)
  • Scattare foto è come andare in punta di piedi in cucina a tarda notte e rubare biscotti Oreo (Diane Arbus)
  • La mia vita è plasmata dal bisogno urgente di vagare e osservare, e la mia macchina fotografica è il mio passaporto ( Steve McCurry)
  • La cosa più difficile per me è il ritratto. Devi cercare di mettere la macchina fotografica tra la pelle di una persona e la sua camicia. (Henri Cartier-Bresson)

Le tue citazioni preferite hanno qualcosa in comune con le tue attività creative, le tue foto preferite e le tue stranezze personali?

visione
Photo by Joshua Earle on Unsplash

Fai attenzione a ciò che dici quando sei arrabbiato

A volte il traboccamento spontaneo dell’emozione contiene l’esatta rivelazione di ciò che è la vostra visione. Come reagite quando le vostre foto vengono criticate? Se non sei mai stato criticato, trova una community per condividere il tuo lavoro online. Prima o poi, una persona ti farà sapere cosa pensa delle tue foto. Ti insulteranno senza sosta. Se tutto va bene, ti entrano sotto la pelle e ti frustano. Le parole che pronunci sono l’espressione della tua visione. Mi piace andare nel caos e farne qualcosa di bello. E se ci sono delle imperfezioni nella foto, tanto meglio. Perché dove ci sono macchie e polvere e grano – è lì che le cose si sono fatte reali.

visione
Photo by Burak K on Pexels

Chiediti: quale problema risolve la tua visione?

A questo punto, dovresti avere un’idea di quello che cerchi come fotografo. Non preoccuparti, ci vuole un po’ di tempo per avere una visione precisa. Un approccio finale è quello di chiedersi quale problema affronti la tua visione.

La mia fotografia e il mio lavoro quotidiano sono pervasi dal tentativo di capire me stesso e questo è in linea con i libri che leggo, la commedia di cui rido e i momenti che catturo. Mentre fotografo la mia famiglia, mia moglie, mia figlia, gli amici, le altre persone e gli eventi sociali, arrivo a capire l’umanità e un po' di me stesso. Mi ritrovo così in luoghi in cui non sarei mai potuto essere se non scattassi fotografie, se non amassi la fotografia. «La macchina fotografica è una scusa per stare in un posto che altrimenti non ti appartiene» (Susan Meiselas)


visione
Photo by Pixabay on Pexels

La tua visione dovrebbe farti crescere

Le persone con una visione prevedono esattamente quello che cercano e perché. Lavorano per questo, superando gli ostacoli e le loro debolezze. Per trovare la tua visione come fotografo:

  • Esplora la tua creatività.
  • Chiediti: quale problema risolve la mia visione?
  • Come rende la vita più profonda e migliore?
  • Chi devo essere per dare vita a questa visione?
  • Cosa devo fare coerentemente per dare vita a questa visione?
InsightAgency

Come scegliere immagini persuasive per le tue email?

 


Sapevi che esiste un metodo per scegliere scientificamente immagini super-persuasive da inserire nelle tue email? Oggi ti spieghiamo in cosa consiste e come creare il visual perfetto per massimizzare le performance delle tue campagne email.

Nella attività di promozione online è fondamentale saper attirare l’attenzione e di conseguenza persuadere le persone nel compiere l’azione di risponderci. Questo è ancora più evidente nell’Email Marketing, soprattutto quando è volto alla generazione di contatti profilati, dove la competizione sul ricevere e attirare attenzione nell’inbox è sempre più agguerrita.

Pertanto, utilizzare un metodo scientifico (cioè replicabile) per poter catturare l’attenzione del proprio pubblico potenziale e avviarlo verso il percorso decisionale di acquisto.

Studiare il design, il colore e le immagini a livello teorico e svolgere continui e svariati test sul campo è fondamentale per consolidare una procedura e un metodo funzionali che, indipendentemente da chi la mette in esecuzione, portano ad ottenere sempre un risultato professionale e profittevole.

I 3 sistemi base per comunicare

Noi essere umani abbiamo tre strumenti che usiamo per scambiare idee con altre persone:

  1. scrittura. Scrivere le parole, farle recapitare alla persona e farle leggere permette una comunicazione (proprio quello che stiamo facendo noi adesso). Si tratta certamente di un livello sofisticato, perché richiede la conoscenza di un alfabeto, la capacità di scrivere concetti mediante quella simbologia e la possibilità di leggere e interpretare quei termini in modo da poterli duplicare
  2. parola. Comunicare tramite la voce esprimendo concetti comprensibili ad un’altra persona è una cosa che facciamo abitualmente, la diamo per scontata ma è un livello certamente evoluto di comunicare. Basti pensare a quando andiamo all’estero o incontriamo qualcuno che non parla la nostra lingua: in quegli attimi la comunicazione tramite la parola risulta meno famigliare
  3. gestualità. Un sistema molto semplice per comunicare sono proprio i gesti e la mimica facciale. Possiamo ad esempio comprendere un messaggio di antagonismo anche solo dall’espressione e dalla postura di chi abbiamo davanti e questo fa della gestualità uno strumento molto immediato, seppur primitivo.

Ora la domanda sorge spontanea: quale di questi 3 sistemi comunica in modo semplice e diretto alla nostra mente?

Se hai risposto la gestualità, ci hai visto giusto! E gestualità significa ciò che osserviamo, pertanto le IMMAGINI.

Fatta questa premessa indispensabile per comprendere appieno l’importanza delle immagini nella nostra vita e, quindi, anche nella promozione, adiamo a capire quali sono le regole fondamentali per scegliere scientificamente immagini super-persuasive.

1. Definisci chiaramente il messaggio che vuoi comunicare

Per scegliere un’immagine comunicativa dobbiamo come prima cosa stabilire qual è il messaggio che desideriamo far arrivare a chi la osserva: un’immagine deve avere un solo messaggio non ne può avere altri e deve essere inequivocabile (o quanto meno fraintendibile possibile).

Vediamo un esempio:

immagine persuasiva della libertà

Questa immagine esprime immediatamente una cosa: libertà

Una volta stabilito chiaramente il messaggio che vogliamo veicolare, dobbiamo fare in modo che questa comunicazione arrivi a destinazione e “convinca” l’utente a fare una determinata azione.

I 3 aspetti chiave della comunicazione visiva persuasiva

Per convincere l’utente a compiere un’azione ecco che entrano in nostro soccorso 3 regole essenziali della comunicazione visiva persuasiva:

  1. Lo schema temporale della percezione

Questo concettosi basa su due fattori chiave, il primo è che per noi occidentali il tempo scorre da sinistra verso destra, quindi a sinistra troviamo il passato e a destra troviamo il futuro. Il secondo è che le cose che stanno in alto sono positive mentre quelle in basso negative.

schema temporale della percezione

In tal senso se mettiamo sull’asse orizzontale lo scorrere del tempo a sinistra il passato a destra il futuro e sull’asse verticale la percezione positiva in alto e negativa in basso, possiamo suddividere la nostra immagine in 4 parti uguali delle quali due aree diventano determinanti. L’angolo in alto a destra sarà l’area di proiezione positiva, mentre l’angolo in basso a sinistra l’area di ricordo negativo.

Un esempio di come funziona questo schema analizzando due banner pubblicitari:

banner pubblicitario politico
banner pubblicitario obama

La prima figura è un messaggio completamente rivolto al passato: la parte emozionale (dettata dall’utilizzo delle immagini) infatti è tutta sulla sinistra, i personaggi hanno lo sguardo rivolto al passato e persino il colore bianco e nero è un chiaro richiamo al passato. L’area più importante di proiezione positiva è completamente vuota e non sfruttata.

Al contrario la seconda figura usa la parte di sinistra non cercando alcuna emozione, mentre la parte destra mostra il messaggio di positività, sguardo rivolto al futuro e soprattutto direzionato verso la chiamata all’azione che dovrà compiere il destinatario del messaggio: una “X” sul logo elettorale.

Così funziona lo schema temporale della percezione. 

  1. Estetica

Capita molto spesso di imbattersi in persone che credono che l’estetica sia qualcosa di soggettivo, cioè quella cosa è bella quindi è estetica, quella cosa è brutta quindi non è estetica. In realtà ciò che piace è soggettivo mentre i concetti di estetica sono prettamente matematici e quindi super oggettivi.

Vediamo nel dettaglio quali sono queste formule matematiche che determinano l’estetica. La prima è la simmetria geometrica, per cui nel corso degli anni storici dell’arte e filosofi hanno messo a punto e determinato delle precise regole ed elementi considerati simmetrici (come l’ordine, la rigidità formale, la quiete, la semplicità) e asimmetrici (come il movimento, la libertà, il caos).

 La seconda è la sezione aurea (o regola dei terzi), che rappresenta un’espressione ricorrente in natura e che si sviluppa dalla sequenza di Fibonacci, più comunemente chiamata Spirale a Chiocciola. 

sezione aurea

In fotografia è stata chiamata regola dei terzi ed utilizzata per dare il giusto equilibrio e aromia estetica alle immagini, facendo combaciare il soggetto principale in corrispondenza del terzo, come in questo esempio:

regola dei terzi

La terza e ultima regola è la definizione e nitidezza. Le immagini sgranate non piacciono a nessuno, sono sinonimo di amatoriale e poca professionalità. Quindi usa immagini con elevata nitidezza, sempre: risulteranno molto persuasive perché molto reali e quindi emozionanti per chi le osserverà.

  1. Immedesimazione

La chiave vincente per emozionare il nostro potenziale cliente è quella di farlo immedesimare, fare in modo che egli viva l’emozione presente nell’immagine e quindi riceva in prima persona il messaggio che vogliamo comunicargli.

A tal proposito esistono 4 accorgimenti indispensabili per fare sì che ciò avvenga:

  1. Proiezioni mentali migliorative: il soggetto dell’immagine deve essere simile al nostro pubblico di destinazione del messaggio ma a un livello superiore di status (benessere oppure di vitalità).
  1. Abbigliamento adeguato: il soggetto della nostra immagine deve essere vestito in modo consono al ruolo che riveste: un dottore dovrà avere il camice sopra la camicia con cravatta, uno chef dovrà avere l’abito tipico e il cappello da cuoco, un imbianchino dovrà avere la tuta da lavoro, etc. 
  1. Ambientazione: il soggetto deve essere contornato da un ambiente e da oggetti che sono in linea con la sua professione e col messaggio. Se dovessimo andare da un dentista nuovo, sicuramente guarderemo la pulizia delle attrezzature e delle sale prima di fidarci, allo stesso modo succede con un’immagine
  1. Azione / Interazione: come il soggetto interagisce con l’ambiente circostante? Sta facendo qualcosa? Ecco quella tipologia di attività se siamo stati bravi nei punti precedenti servirà a far vivere la stessa emozione a chi sta guardando la nostra immagine, quindi se il personaggio sarà in relax vivrà relax, se il soggetto invece indicherà un oggetto nella stanza il destinatario del nostro messaggio sarà spinto a guardare quell’oggetto.

2. Sii essenziale e utilizza elementi che rafforzino il messaggio

Elimina, quindi, tutte le distrazioni che non rafforzano il messaggio. Questo perché se si tende ad abbondare e aggiungere il risultato spesso è qualcosa di molto confuso, che non colpisce nel segno. Una volta tolto il superfluo, lasciato solo il necessario che rafforzava il messaggio ecco: abbiamo la nostra immagine super persuasiva.

InsightAgency

9 consigli per migliorare la reach organica su Instagram


Raggiungere un elevato numero di persone sui social media è sempre più difficile.

L'iscrizione alle piattaforme social non significa automaticamente visibilità. Bisogna impegnarsi pubblicando con frequenza contenuti interessanti per il pubblico di riferimento, interagire il più possibile e testare a più non posso cosa funziona per la propria community e cosa no.

Instagram, il quarto social network più utilizzato in Italia, è un ottimo canale per promuovere i propri prodotti e servizi, ottenere interazioni e costruire una community che condivida i valori del proprio brand.

Infatti, sul blog ufficiale del social si legge che:

✔ il 90% delle persone su Instagram segue un'azienda

✔ 2 persone su 3 sostengono che Instagram agevoli l'interazione con il brand

✔ il 50% delle persone dichiara di essere più interessato a un brand se lo vede pubblicizzato su Instagram.

InsightAgency

Come ottenere fotografie con sfondo bianco in ogni situazione


 

Realizzare una fotografia con sfondo bianco, è stata una delle prime sfide che mi sono posto quando ho iniziato ad appassionarmi a questa bellissima arte.
Cercare di ricreare quella magica atmosfera da pubblicità, dove il soggetto viene messo in evidenza grazie al forte contrasto cromatico con lo sfondo, non è una tecnica così difficile.

Se quindi anche tu vuoi provare questa piccola avventura fotografica, sei capitato nel post giusto. Infatti potrai trovare tutte le informazioni utili per realizzare fotografie con lo sfondo bianco in qualsiasi situazione.

Ti sento fremere, quindi non perdiamoci in troppe chiacchiere e iniziamo con la parte tecnica del post.

InsightAgency

La guida definitiva per imparare come creare un blog di viaggio


Curiosando su internet, non è difficile imbattersi nei blog di viaggio: tutti, almeno una volta, hanno dato un’occhiata a qualche post dove un travel blogger descriveva la sua esperienza in questo o quest’altra città.

Se molti si fermano lì, c’è anche chi decide che questo percorso è quello che fa proprio al caso suo. Tra questi ci sei proprio tu? Beh, allora ti starai chiedendo come iniziare con il piede giusto.

Sicuramente avrai molti dubbi: costi, tempistiche, programmazione di siti web… sicuramente non si tratta di una strada facile, ma non è neanche impossibile: basta un po’ di organizzazione e tanta, tantissima passione.

È proprio quest’ultima che, in qualche anno, ti permetterà di trasformare un piccolo blog in un portale apprezzato dai viaggiatori che navigano il web, e chissà, magari a renderlo anche un lavoro a tutti gli effetti.

Tuttavia, non si tratta di un processo immediato, e certamente non è semplice per chi è alle prime armi.

Come web agency che si occupa della realizzazione di siti web, proviamo ad indicarti quali sono gli step fondamentali da seguire per creare un blog di viaggio.

Sei pronto? Ecco come iniziare la tua avventura.

InsightAgency

Cosa scrivere su LinkedIn: consigli e parole da evitare


Tra i consigli che la piattaforma non si è mai stancata di condividere con gli iscritti c’è utilizzare per il proprio profilo LinkedIn un approccio “show, don’t tell”: più che dilungarsi in prolisse descrizioni delle esperienze professionali pregresse o del percorso di studi, meglio compilare l’apposito campo dei traguardi raggiunti o caricare progetti e lavori seguiti e che possano aiutare recruiter e potenziali clienti a farsi un’idea più concreta delle proprie competenze. Ciò non significa che si possa rinunciare del tutto a una parte più (auto)descrittiva: per parafrasare delle parole della stessa compagnia, il profilo LinkedIn una sorta di curriculum che non dorme mai. Cosa scrivere su LinkedIn, allora, per renderlo accattivante ed efficace e cosa invece evitare a tutti i costi?

InsightAgency

Guida a LinkedIn completa per dipendenti, freelance e aziende

I numeri ufficiali parlano di almeno 756 milioni di iscritti in tutto il mondo, di cui 14 solo in Italia stando ai dati del report Digital 2021; sono numeri che lo collocano di diritto nella classifica dei social network più famosi e usati del momento, ma dalla piattaforma si spingono oltre a sottolineare come più di quaranta milioni di persone ogni settimana lo utilizzino per cercare lavoro e ogni minuto almeno tre persone vengano assunte su LinkedIn. Una guida completa a LinkedIn, così, non può che partire da qui: cos’è LinkedIn e cosa lo distingue da altre piattaforme simili.

utenti linkedin quanti sono

Che cos’è LinkedIn?

Lanciato nel 2002 da Reid Hoffman, imprenditore con alle spalle un lungo trascorso nel mondo delle big tech, il servizio si distinse fin dal primo momento per essere destinato a un mercato business. Secondo i progetti originari del fondatore, infatti, LinkedIn avrebbe dovuto offrire ai propri utenti la possibilità di fare rete con altri professionisti del proprio settore; sviluppare, far conoscere e migliorare il proprio brand personale; non ultimo, incrociare domanda e offerta di lavoro.

La piattaforma impiegò più tempo del previsto a raggiungere massa critica ed è mancato soprattutto nella storia di LinkedIn un unico punto di svolta capace di renderlo il servizio che è adesso, nonché il social più utilizzato nel mondo del lavoro: l’introduzione dei primi servizi premium su LinkedIn già nel 2005, il fatto che la Silicon Valley lo elesse come “luogo” ideale per il social recruiting , la quotazione in borsa nel 2010 (anno in cui fu raggiunta anche la soglia dei novanta milioni di iscritti), l’acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft per oltre 26 miliardi di dollari nel 2016 sono stati tutti piccoli passi che hanno portato LinkedIn alla leadership mondiale nel mercato dei social professionali e dedicati alla carriera.

A oggi infatti, anche se molte big digitali ne hanno copiato alcune impostazioni (lo hanno fatto, tra gli altri, Facebook con Workplace e ByteDance con una funzione TikTok per trovare lavoro tarata su bisogni e aspettative dei giovanissimi lavoratori della generazione z ), non esistono social “cloni” di LinkedIn che sappiano replicarne davvero le caratteristiche che lo rendono così amato dai professionisti di tutti i settori. 

InsightAgency

Cosa sono gl NFT?

 


𝘌̀ 𝘭𝘢 𝘮𝘰𝘥𝘢 𝘥𝘪𝘨𝘪𝘵𝘢𝘭𝘦 𝘥𝘦𝘭 𝘮𝘰𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰, 𝘵𝘶𝘵𝘵𝘪 𝘯𝘦 𝘱𝘢𝘳𝘭𝘢𝘯𝘰 𝘦 𝘮𝘰𝘭𝘵𝘪 𝘩𝘢𝘯𝘯𝘰 𝘨𝘪𝘢̀ 𝘪𝘯𝘪𝘻𝘪𝘢𝘵𝘰 𝘢 𝘵𝘳𝘢𝘳𝘳𝘦 𝘪 𝘱𝘳𝘪𝘮𝘪 𝘱𝘳𝘰𝘧𝘪𝘵𝘵𝘪 𝘥𝘢𝘭𝘭𝘢 𝘭𝘰𝘳𝘰 𝘤𝘳𝘺𝘱𝘵𝘰-𝘢𝘳𝘵𝘦.

Un NFT (non-fungible token) è uno speciale tipo di token basato sulla blockchain che permette di creare e in seguito acquistare e vendere, in modo certificato, opere d’arte digitali inserite all’interno della blockchain. Il sistema è basato su questa tecnologia proprio per garantire l’unicità di ognuno di questi file non intercambiabili.
Per capire meglio il funzionamento di questi token non fungibili proviamo ad immaginare una banconota da 20 euro, la possiamo tranquillamente scambiare con un’altra banconota da 20 euro perché il suo valore è identico, quindi in questo caso il denaro è fungibile;
se invece prendo la banconota da 20 euro e la rendo unica, ad esempio apponendoci una firma io rendo quella moneta unica e nello specifico caso vi aggiungo del valore non materiale ipotizzando che la mia firma come opera abbia un valore. Un’opera d’arte è unica e non può essere scambiata o sostituita con un altro bene dello stesso valore, per tanto i token NFT sono detti non fungibili.

il boom attuale degli ntf è dovuta all’artista Beeple che ha venduto per 69 milioni di dollari una sua opera!

𝗔𝗰𝗾𝘂𝗶𝘀𝘁𝗮𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝗡𝗙𝗧
È bene chiarire che quando si acquista un NFT non si ottiene alcuna licenza di copyright né si può modificare l’opera ma si diventa automaticamente un detentore verificato dell’oggetto e quindi del suo valore di vendita.

Gli NFT sono acquistabili esclusivamente tramite criptomoneta Ethereum, perciò il primo passo da fare è quello di creare un portafoglio e comprare degli Ether, il modo più semplice per farlo è quello di rivolgersi ad un portafoglio online tra cui il più popolare e affidabile è Coinbase
Vi sarà richiesto di completare la verifica dell’identità tramite documenti prima di iniziare ad utilizzare le funzioni del portafoglio quali acquistare, vendere ed effettuare trasferimenti.
C’è anche un altro wallet che si può usare e che sebbene non sia semplicissimo da usare, si integra perfettamente con moltissimi siti e rende i trasferimenti immediati, stiamo parlando proprio di Metamask. Per utilizzarlo sarà necessario scaricare l’estensione del browser, il download è disponibile qui per i browser più popolari: https://metamask.io/download.html

Se invece volete svincolare il vostro portafogli dal accesso online come insegnano i professionisti delle cripto valute la soluzione semplice e relativamente economica è un cripto portafogli hardware come questo qui:
https://amzn.to/2PXvTgu

Si consiglia sempre di acquistare un po’ di ethereum in più per avere più margine sulle eventuali tasse che potresti incontrare durante la creazione o l’acquisto di un token NFT.
Il prossimo passo è quello di scegliere la piattaforma in cui operare: il marketplace.
Tra i più popolari troviamo: OpenSea, Rarible, Mintable, Async e MakersPlace.
Da qui con pochi click ti sarà possibile collegare il tuo portafoglio e generare il tuo account per iniziare a vendere o comprare NFT.

𝗖𝗿𝗲𝗮𝗿𝗲 𝗲 𝘃𝗲𝗻𝗱𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝗡𝗙𝗧
Letteralmente chiunque può creare un NFT in pochi minuti ma non tutti riescono a venderli e a vedere qualche profitto, la cosa fondamentale che non può mancare è l’idea di cosa si vuole vendere e più quest’idea sarà particolare più alte sono le probabilità di vendita. Se l’idea non manca, si può procedere con la creazione del token, di seguito vediamo come fare.
Basterà per prima cosa eseguire il login nel marketplace con il proprio wallet associato all’ account e creare una collezione tramite la procedura guidata che il sito offre.
La collezione richiede un nome e un logo, successivamente sarà possibile inserire una descrizione, una tassa di vendita e cosa molto importante: il proprio indirizzo Ethereum dove ricevere il pagamento del compratore.
Dopo aver creato e personalizzato la collezione si può successivamente creare un ‘item’ che potrà essere un’immagine, una gif o un video. Una volta caricato il contenuto di questo NFT, non resterà altro che personalizzarlo inserendo le caratteristiche e scegliendo la ‘total supply’ ovvero il numero di copie dell’opera. Per essere non fungible, la total supply deve restare ad 1 in modo da avere un’unica copia disponibile.

Arrivati a questo punto non vi resta che dare un prezzo di vendita al vostro NFT, potete scegliere tra 3 opzioni:

➡ Prezzo fisso: Il prezzo viene deciso dal venditore
➡ Asta: Non c’è bisogno di spiegarlo questo, vero?
➡ Bundle: Vendita di più item raggruppati

𝗧𝗮𝘀𝘀𝗲 𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗳𝗶𝘁𝘁𝗶
Coniare un NFT, come per tutte le azioni eseguite in blockchain, richiede elettricità e quindi esattamente come su Bitcoin anche qui ci sono delle fee da pagare per poter registrare l’opera nella blockchain.
Mentre alcuni marketplace richiedono il pagamento delle fee in anticipo, altre piattaforme si limitano a prelevare una percentuale dalla vendita, secondo un calcolo effettuato dal blog Marginal Revolution su una vendita di 2300$ la percentuale prelevata dalla piattaforma Mintable è stata del 2,5%.

È da tenere a mente però, che nessun guadagno è garantito e che questa ‘esplosione’ così forte e improvvisa dei token non fungibili potrebbe essere l’ennesima bolla destinata a scoppiare, come dicono alcuni esperti. Pertanto invitiamo ad essere cauti nell’investire in questa nuova tecnologia poiché il suo futuro è davvero incerto.

𝗔𝘁𝘁𝗲𝗻𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝘁𝗿𝘂𝗳𝗳𝗲!
Proprio a causa di questa improvvisa esplosione di popolarità dei token NFT, sono nati e continuano a spuntare ogni giorno nuove frodi di cui vogliamo mettervi in guardia.
Una delle truffe più frequenti in questo mercato è il phishing, i cyber criminali creano una copia identica di un marketplace e appena eseguirete il login le credenziali del vostro account saranno automaticamente rubate e salvate nei loro server.
Per evitare questo tipo di truffe bisogna prestare particolare attenzione e verificare che il sito del marketplace in cui vogliamo eseguire il login sia originale, ci sono alcuni campanelli d’allarme che possiamo notare facilmente in un sito phishing:
L’url di solito ha un’estensione diversa oppure mancano alcune lettere e sono sostituite con altre, un esempio con rarible.com potrebbe essere ‘raribie.com’.
La mancanza del certificato SSL e quindi del lucchetto verde accanto all’url, ciò indica che la connessione non è sicura e che i dati inviati al sito saranno visibili in chiaro senza alcuna codifica.

Oltre a queste tecniche truffaldine che ormai si adattano a qualunque contesto online, ci sono stati casi di impersonificazione.
L’artista Derek Laufman ha ricevuto molteplici email dai suoi follower che gli hanno posto domande riguardo i suoi NFT, tuttavia lui non aveva ancora iniziato a vendere NFT e ha infatti dichiarato che il profilo del venditore è un falso, sebbene fosse verificato da Rarible.
Dopo varie segnalazioni da parte degli utenti la piattaforma Rarible è però intervenuta e ha rimosso il profilo-truffa.